C’è un gran sfregar di … ferro in Giappone dopo che sono stati catturati ben due pesci porta-sfiga.

Qualcuno in Giappone ritiene che stia per abbattersi sul paese un grave disastro naturale dopo che due pesci simbolo di sventura sono stati catturati nei mari vicino la costa.
Potrebbe trattarsi di un terremoto, di uno tsunami o di entrambi, dopo che due giganteschi pesci d’alto mare, simboli di sventura nel paese, sono stati catturati sulle coste.

Il regaleco, detto anche, re di aringhe (Regalecus glesne) è un pesce abissale con un corpo allungato e nastriforme. Il Re delle Aringhe può raggiungere gli 11 metri di lunghezza, anche se, in media, ne misura soltanto 3 e secondo la legenda, quando affiora in superficie, sta per succedere qualcosa di grave.

In Giappone vengono chiamati “Ryugu no tsukai“, o anche messaggeri del palazzo del Dio Dragone di Mare. Molta gente dice di averne visti molti spiaggiati e ciò non accadeva dal 2011, quando un forte terremoto colpì Fukushima. Il sisma ed il successivo Tsunami uccisero più di 20.000 persone. In più ci fu anche un disastro nucleare che causò devastazioni in un’area molto estesa.

Tuttavia la scienza ha già pronta un’ipotesi. Il riscaldamento globale e lievi deformazioni del fondo marino, portano le correnti a spingere i pesci dal basso verso l’alto e verso le coste. Per ora non ci sono prove a dimostrazioni che queste creature marine possano essere una sorta di precursore sismico.