E niente. Torna di moda la storia del “proprietario che difende il domicilio dagli immigrati”… solo che questa volta a farne le spese sarebbe GRISÙ un cane lupo che secondo il sito “inedito.it” starebbe per essere soppresso dopo una sentenza “del giudice”.

Il sito si chiamerà anche “inedito” ma la storia in questione, pubblicata l’8 luglio 2018, gira già da un bel po’ di tempo. Dal 2016, per la precisione quando tanti siti di “Debunking” già demolivano il pezzo. E se “inedito” può riproporre una bufala di due anni fa, chi siamo noi per non poterla smontare di nuovo anche se è stato già ampiamente fatto?

Insomma la storia è che …

Grisù, cane lupo, ha aggredito un gruppo di “sconosciuti nordafricani” che si era introdotto in casa. L’impavido Cane Lupo avrebbe strappato a morsi il polpaccio al primo del gruppo che, trasportato in ospedale, avrebbe subito l’amputazione dell’arto. Il giudice, quindi, ritenendo il cane pericoloso per la comunità, ne ha ordinato l’abbattimento

Peccato che .. nessuna testata accreditata abbia mai riportato questa notizia e soprattutto che la legge non prevede l’abbattimento del “Cane Morsicatore”, ma una serie di misure restrittive, ma non tanto restrittive come la morte! Il ministero della salute parla infatti di:

“obbligo aggiuntivo di una assicurazione in capo al proprietario e l’obbligo permanente di guinzaglio e museruola congiuntamente e mai disgiuntamente in ogni sortita in luogo pubblico”