Storia

Festa della mamma: origini, evoluzione e curiosità.

Una festa che ha rischiato di morire per mano della sua stessa genitrice

L’origine della festa della mamma risale ai primi anni del 1900. Una donna di nome Anna Jarvis nel 1905, l’anno nel quale morì sua madre, promosse una campagna per ottenere una festa ufficiale in onore di tutte le madri.

La prima celebrazione su larga scala della festa arrivò tre anni più tardi, nel 1908. Per l’occasione, Jarvis tenne un memoriale pubblico in onore di sua madre, proprio nella sua città natale: Grafton, in West Virginia.

Successivamente, Jarvis si impegnò per far riconoscere ufficialmente la festività. Un numero sempre maggiore di stati dell’America cominciava a celebrare la ricorrenza.

Nel 1914, il presidente Woodrow Wilson proclamò la festa della mamma come festa ufficiale, da festeggiarsi la seconda domenica di maggio.

Anna Jarvis è quindi riuscita nel suo nobile intento di inserire nel calendario la festa della mamma. Una giornata destinata a esprimere amore e gratitudine alle madri, riconoscendo i sacrifici che le donne fanno per i loro figli.

Tante “feste della mamma”

Ancor prima che Anna Jarvis lottasse per ottenere il riconoscimento della festa, sua madre ha svolto un ruolo importante unendo le donne a buone cause. La mamma di Anna si prese cura dei soldati feriti su entrambi i lati del campo durante la guerra civile, e in seguito organizzò una “Giornata dell’amicizia per le madri“. Obiettivo della celebrazione era favorire la riconciliazione tra i soldati di quella che era l’ex Unione con quelli confederati facendoli riunire, accompagnati dalle loro madri.

All’incirca nello stesso periodo, Julia Ward Howe, un’altra attivista, nonché abolizionista e suffragetta, lavorò per ottenere che il 2 giugno fosse la “Festa della Pace della mamma“.

Julia ha anche ha scritto un “Proclama per la festa della mamma” invitando tutte le madri a lavorare per la pace nel mondo.

Ma come è facile immaginare, le celebrazioni della maternità risalgono a un periodo molto più lontano. Tali celebrazioni erano spesso adorazioni a divinità madre, come la Dea Iside nell’antico Egitto, o Cibele e Rea nella Grecia antica.

Il Mothering Sunday nel Regno Unito, haa le sue radici nel XVI secolo ed era originariamente dedicata alla “Madre Chiesa”. In seguito la celebrazione fu ampliata per onorare anche le madri umane.

Feste e polemiche

Ad Anna Jarvis non bastava. Il suo successo nel far riconoscere quella mamma come festa nazionale ufficiale, non era sufficiente per rendere omaggio alle madri. Mancava ancora qualcosa. Anna aveva quindi chiesto ed ottenuto che il garofano bianco divenisse simbolo della festa della mamma.

Tuttavia, nei primi anni dell’esistenza ufficiale della festa, fiorai, fabbricanti di caramelle, di cartoline di auguri e persino organizzazioni benefiche approfittavano della festa della mamma per avere guadagni extra.

La commercializzazione della festa della mamma, secondo Jarvis, aveva snaturato il suo spirito che doveva invece concentrarsi sulla connessione affettiva tra madre e figli.

Dal 1920 in poi, Anna Jarvis intraprese una lotta per impedire alle aziende di trarre profitto dalla produzione biglietti di auguri, caramelle, fiori e altri regali.

Paradossalmente Anna Jarvis, la fautrice della “Festa della mamma”, in seguito cominciò a fare pressioni per far rimuovere la festa dalle celebrazioni nazionali ufficiali. Nel suo tentativo è arrivata addirittura a spendere molto del sui denaro in azioni legali contro profittatori per evitare che questi usassero Il nome della festa della mamma per i loro interessi.

Una festa commerciale

La lotta di Anna Jarvis contro lo sfruttamento della festa della mamma a fini commerciali, ha avuto successo? Se hai acquistato un regalo a tua madre, hai già la tua risposta.

La festa della mamma nel mondo

Nella maggior parte dei paesi, la festa della mamma viene celebrata la seconda domenica di maggio. Per la precisione festeggiano a maggio Stati Uniti, Canada, la maggior parte dei paesi europei, Australia, Nuova Zelanda, India, Cina, Giappone, Filippine e Sudafrica.

Una notevole eccezione a questa regola sono il Regno Unito e l’Irlanda, che celebrano la festa della mamma la quarta domenica di quaresima. La maggior parte dei paesi arabi celebra la festa della mamma il 21 marzo (equinozio di primavera). Alcuni paesi dell’Europa orientale celebra la festa della mamma l’8 marzo.

Back to top button