Martedì, 16 Gennaio 2018

BUFALA Roma a credito con la Raggi

Ci è stata segnalata quest’immagine su Facebook: Si tratta di una bufala. Il bilancio del comune di Roma non è a credito. Soltanto nell’Ottobre del 2016, come segnalato sul sito Money, la capitale aveva un debito di 12 miliardi di euro, di cui gran parte...

L'articolo BUFALA Roma a credito con la Raggi sembra essere il primo su Bufale.net | Bufale - fake news - bufale facebook.






Ci è stata segnalata quest’immagine su Facebook:

Si tratta di una bufala. Il bilancio del comune di Roma non è a credito. Soltanto nell’Ottobre del 2016, come segnalato sul sito Money, la capitale aveva un debito di 12 miliardi di euro, di cui gran parte risale a prima del 2008.

Vero è che il debito di Roma continua a crescere: come riporta Il Sole 24ore sotto Rutelli c’è stato l’aumento più alto, il debito finanziario è aumentato in media di 892.937 euro al giorno. Al secondo posto Alemanno, con un incremento medio di 450.160 euro al giorno. Terzo Veltroni, 416.476 euro di aumento medio al giorno. Il debito romano pare sempre di più un abisso senza fine, insanabile. C’è poi da aggiungere un altro fatto sconcertante: il Comune di Roma non sa in parte quali siano i suoi debitori e quali i suoi creditori. In questo caos, la sindachessa Raggi ha esposto sul sito ufficiale del comune di Roma il bilancio. Le uscite di denaro sono maggiori rispetto alle entrate di circa un miliardo.

Roma, però, non è l’unica città europea ad essere indebitata. Anche la capitale della Gran Bretagna, Londra, si è indebitata, soprattutto, in occasione delle ultime olimpiadi del 2012.

Come affermato da molti economisti, il debito pubblico non è un problema di per sé, ma lo diventa se viene mal gestito.

L'articolo BUFALA Roma a credito con la Raggi sembra essere il primo su Bufale.net | Bufale - fake news - bufale facebook.


Bufale.net



DI TENDENZA:

psfooter

PareStrano.it raccoglie le notizie più strane ed incredibili da tutto il mondo. Seleziona e racconta i fatti accaduti senza naturalmente investigare sul posto.

Seguici Sui Social