Mercoledì, 18 Ottobre 2017

Tata decapita bambino: «me lo ha ordinato il diavolo»

 

"Killer Nanny", la Tata Assassina, ha barbaramente ucciso una bambina di otto anni sotto la sua custodia, per poi decapitarla. Non contenta è scesa in strada mostrando a tutti la testa della piccolina. Alla polizia che l'ha arrestata ha raccontato di aver sentito delle "voci" il giorno dell'omicidio. 

 

 

Dopo l'arresto, Gyulchekhra Bobokulova, 38 anni, ha condotto la polizia nell'appartamento dove ha strangolato la piccola Anastasia (Nastya) Meshcheryakova, di otto anni, prima di infierire sul suo corpo decapitandola con un coltello da cucina. Durante le indagini è emerso che la donna era in cura presso una clinica psichiatrica in Uzbekistan, di dove è originaria. Ed è proprio in Uzbekistan la scintilla che ha fatto scattare la follia della donna. Gyulchekhra ha infatti raccontato che il giorno dell'omicidio era furiosa con suo marito, che, rimasto in Uzbekistan si stava costruendo una nuova famiglia. Come se ciò non bastasse, ad aumentare la sua frustrazione, proprio quel giorno il diavolo le suggeriva di commettere quel gesto.

Attualmente la Tata Assassina è in cura presso un ospedale psichiatrico che le ha diagnosticato la schizofrenia. Nel caso fosse ritenuta capace di intendere e volere rischierebbe fino a 20 anni di carcere.

 

 

psfooter

PareStrano.it raccoglie le notizie più strane ed incredibili da tutto il mondo. Seleziona e racconta i fatti accaduti senza naturalmente investigare sul posto.

Seguici Sui Social