Mercoledì, 18 Ottobre 2017

Una donna sostiene di essere stata violentata da un Pokemon

... ma ne la polizia ne suo marito le credono.  La giovane donna, che ha presentato alla polizia una denuncia formale, sostiene di essere stata violentata da un Pokémon gigante nel suo appartamento di Mosca.

 

 

La donna sposata, il cui nome non è stato reso noto, ha riferito che stava giocando a Pokemon GO prima di addormentarsi. Poi il brusco risveglio quando si è trovata un enorme Pokemon su di lei che stava consumando una violenza sessuale. La donna dice che il Pokemon è scomparso quando spaventata è saltata fuori dal letto, tuttavia sostiene che l'applicazione "Pokemon GO" sul suo telefono rileva ancora la presenza dello stesso personaggio virtuale sul suo letto. Ne il marito, svegliato dalle urla di sua moglie, ne gli agenti di polizia che hanno raccolto la denuncia le hanno creduto e suggerendo alla sfortunata vittima di farsi vedere da uno psichiatra.

Ma prima di seguire il consiglio, la donna si è attivata diversamente. Stando al Bloknot, sito russo che per prima ha riportato la notizia, dato che ne marito ne polizia le davano credito, la donna si è rivolta ad un sensitivo, ma neanche questi è stato in grado di aiutarla.

Ivan Makarov, un amico della donna, ha in seguito dichiarato allo stesso giornale: «Lei dice che ci sono troppi Pokemon in casa sua e anche il cane li può percepire. Lei dice che il cane abbaia ogni volta che gioca Pokemon GO. Adesso speriamo che lo psichiatra possa darle una mano»


 

psfooter

PareStrano.it raccoglie le notizie più strane ed incredibili da tutto il mondo. Seleziona e racconta i fatti accaduti senza naturalmente investigare sul posto.

Seguici Sui Social