Domenica, 20 Agosto 2017

Crudeltà: La tartaruga si chiama "Salvadanaio" e loro la riempiono di monete.

Dei veterinari in Thailandia hanno salvato la vita di una tartaruga di 25 anni, il cui nome tradotto dal tailandese significa "Salvadanaio", rimuovendo più di 900 monetine dal suo addome.

 

 

 

Nantarika Chansue, scienziata veterinaria presso la Chulalongkorn University ed esperta in tartarughe marine, ha prestato soccorso ad uno di questi esemplari, Salvadanaio, che vive in un piccolo stagno a Sri Racha. Il particolare nome di questo anfibio è dovuto al fatto che, come rituale di buoni auspici, residenti e visitatori gettano monete nello stagno dove questo vive. Da giorni Salvadanaio non sembrava in salute, ed è stata quindi affidata alle cure della Dottoressa Chansue che, in seguito ad una TAC sulla tartaruga, ha scoperto al suo interno un grosso grumo costituito da monetine. Alla delicata operazione chirurgica hanno preso parte più di una dozzina di medici e assistenti, lavorando per sette al fine di rimbuovere rimuovere 915 monete, per un totale di 11 chili di metallo, da dentro la tartaruga.

«Abbiamo trovato le monete, sia nello stomaco che nell'intestino», ha dichiarato Chansue dopo l'intervento. «Se non l'avessimo operarata  non sarebbe stata più in grado di mangiare o defecare, e sarebbe quindi presto morta. Gettare monetine in quello stagno è una cosa molto stupida. È una tortura per gli animali, che poi finiscono per ingoiarle. Anziché ottenere benefici da questo atto, la gente non si rende conto di commetere invece un grave peccato»

Ora Salvadanaio è in via di guarigione. L'intervento chirurgico ha completamente rimosso tutte le monetine che costituivano il 10% del suo peso. Rimarrà in osservazione ancora per un paio di settimane, prima di essere portata in un centro per la salvaguardia delle tartarughe.

 

Ti Potrebbero Interessare ...

psfooter

PareStrano.it raccoglie le notizie più strane ed incredibili da tutto il mondo. Seleziona e racconta i fatti accaduti senza naturalmente investigare sul posto.

Seguici Sui Social