Venerdì, 20 Aprile 2018

Ci risiamo. Ancora problemi con il nome ISIS.

Ci risiamo. Ancora problemi con il nome ISIS.

 

La madre di una bambina di cinque anni si è vista rifiutare dalla FERRERO la stampa del nome di sua figlia su un barattolo di nutella. Il problema sarebbe ancora una volta nel nome ISIS ossia ISIDE in lingua egizia. Heather Taylor si è quindi sfogata su internet, chiedendo alla rete di smetterla di discriminare un nome bello come Isis, che nulla ha a che vedere con il terribile acronimo. A sorpresa, il direttore della Ferrero Ausrtalia ha risposto al suo appello. 

 

 

Purtroppo per Heather, la risposta della Ferrero non è stata quella sperata e questa volta il lieto fine non c'è stato. La Ferrero Austraila ha confermato che non stamperà etichette con il nome "Isis", anche se non ha nulla a che vedere con il più famigerato I.S.I.S.

"Sfortunatamente dobbiamo essere coerenti con i termini indicati dalla campagna di marketing" ha scritto la Ferrero. "Questa è una di quelle occasioni nelle quali la parola stampata sul barattolo potrebbe essere male interpretata, manipolata e vista come inappropriata dalla comunità, per questo non è e non sarà possibile stampare il nome Isis sull'etichetta del nostro prodotto"

Ma Heater, la mamma della piccola Isis è determinata a portare avanti la sua battaglia: «Se hanno male interpretato il nome di mia figlia, è soltanto colpa loro. Neanche i terroristi, penso, volessero riferirsi al nome di Isis (Iside Ndr). Se continueremo a lasciar passare il fatto che un bellissimo nome come quello di mia figlia possa essere accostato alla sigla terroristica allora contriubuiremo a diffondere la confusione ed il pregiudizio. Per ora la mia bambina è ancora piccola e non si rende ancora conto, ma presto crescerà ed io temo che verrà discriminata per il suo nome.» 

 

 

 

Tags: , ,

psfooter

PareStrano.it raccoglie le notizie più strane ed incredibili da tutto il mondo. Seleziona e racconta i fatti accaduti senza naturalmente investigare sul posto.

Seguici Sui Social