Domenica, 20 Agosto 2017

Gioca al SUDOKU e scopre di soffrire di epilessia

Neurologi di Berlino raccontano di un particolare caso occorso ad uno studente di 25 anni, vittima di un incidente in montagna. Il ragazzo, a causa di una valanga era rimasto privo di ossigeno per 15 minuti, raccontano i medici. Dopo i soccorsi e la convalescenza il ragazzo sembrava essere tornato in forma perfetta, fin quando non ha cominciato a risolvere un SUDOKU.

 

 

Alcune settimane dopo l'incidente, quando il peggio sembrava essere passato, lo studente venticinquenne ha pensato di impiegare un po' del suo tempo risolvendo un SUDOKU , un rompicapo numerico. In quel momento si sono presentate le convulsioni. La bocca e le gambe del ragazzo erano scosse da forti tremori, mentre le braccia non ne erano interessate. 

«Non appena smette di risolvere il puzzle, i tremori scompaiono» raccontano i medici.  «Con ogni evidenza, la privazione prolungata di ossigeno ha causato danni specifici e ben localizzati al cervello dell'uomo»

Indagando sul caso, i neurologi hanno scoperto che le crisi possono essere innescate anche in altri modi che implicano la vista, ordinando una serie di numeri casuali dal più grande al più piccolo o viceversa, ad esempio. 

Nulla invece accade se il paziente legge, scrive o compie operazioni matematiche. 

Nessun'altra cura è stata prescritta al ragazzo, se non quella di smettere di risolvere SUDOKU e dopo cinque anni, il fenomeno è praticamente scomparso.

 

psfooter

PareStrano.it raccoglie le notizie più strane ed incredibili da tutto il mondo. Seleziona e racconta i fatti accaduti senza naturalmente investigare sul posto.

Seguici Sui Social