Sabato, 21 Ottobre 2017

Penis Captivus .... col morto!

 

È comparso sulla rete un video che mostrerebbe una prostituta rimasta incastrata al suo cliente durante un rapporto sessuale. La cosa, se non fosse già bizzarra di per se, è resa ancora più inverosimile dal fatto che il cliente  è morto.

 

 

 

 

Sotto una coperta stesa su una barella, quella che si suppone essere una situazione macabra e bislacca allo stesso tempo. Una prostituta viene portata via e caricata su un ambulanza dopo essere rimasta incastrata con le parti intime in quelle di un cadavere. Sebbene non sia stato possibile raccogliere prove che questa storia (proveniente dalla Cina) sia vera, noi vogliamo credere che si tratti del caso più strano di Penis Captivus.

Il Penis Captivus è la situazione nella quale un penerimane incastrato nella vagina in seguito a delle contrazioni involontarie di quest'ultima, anche se il pene in questione è ormai a riposo. Tuttavia anche le prove della sua esistenza sono discutibili; c'è infatti chi la ritiene semplicemente una situazione immaginaria e chi invece sostiene di averne documentate qualcuna.

Nel 1884 il dottor Egerton Yorrick Davis stese un ... rapporto di Penis Captivus. Tuttavia, anni dopo lo stesso dottor Davis dichiarò che si trattava semplicemente di uno scherzo. Il dottor Egerton Yorrick Davis neanche esisteva sul serio, ma si trattava solo di uno pseudonimo adottato dallo studioso canadese William Osler per perpetrare il suo scherzo alla comunità medica.

Dall'altra parte, invece, in una pubblicazione del 1979 in Dottor F. Kräupl Taylor, riferisce a diversi casi a sua detta reali di Penis Captivus. Nella sua relazione, il  Taylor cita due casi in particolare.

Quello del Dottor Scanzoni, del 1870: "Una donna in piena salute, sopsata da circa sei mesi soffriva di contrazioni vaginali così intense da rendere estremamente difficoltoso il rapporto sessuale. Spesse volte capitva che a causa di questi spasmi, il marito non solo provasse dolore, ma il membro rimaneva incastrato per diversi minuti, impossibilitando la coppia a separarsi".

e quello del Dottor Hildebrandt (1872). Una coppia sposata da circa un anno che aveva sempre avuto dei rapporti sessuali nella norma, tranne che in una circostanza. 

"Quella volta, l'uomo ha sentito che lui, o meglio il suo pene, fosse trattenuto per intero all'interno della vagina. Non c'era verso di tirarlo fuori e quando ha provato a forzare sia lui che sua moglie hanno provato dolore. Nonostante l'agitazione iniziale, l'uomo si è arreso alla situazione attendendo con pazienza per un tempo che gli è sembrato infinito. Poi, il blocco è svanito da solo e i coniugi erano finalmente liberi."

 

 

 

psfooter

PareStrano.it raccoglie le notizie più strane ed incredibili da tutto il mondo. Seleziona e racconta i fatti accaduti senza naturalmente investigare sul posto.

Seguici Sui Social