Mercoledì, 18 Ottobre 2017

Un braccialetto proietterà davvero lo schermo dello smartphone sul nostro braccio? Ni

Ricordate il "braccialetto Cicret"? Con lo slogan "Tecnologia Indossabile" sosteneva di poter proiettare lo schermo di uno smartphone direttamente sul nostro avambraccio. È vero o si tratta della solita bufala acchiappa click?

 

 

«Con il braccialetto Cicret, sarà possibile trasformare la vostra pelle in un touchscreen. Potrai leggere la posta elettronica, giocare ai tuoi giochi preferiti, rispondere alle chiamate, controllare il meteo, ricevere indicazioni stradali ... Fai quello che vuoi sul tuo braccio.» 

La clip video che accompagna questo slogan mostra una tecnologia che elimina una serie di inconvenienti legati all'uso degli smartphone. Il braccialetto è infatti resistente all'acqua acqua (come evidenziato da una parte del video che mostra l'utilizzo in una vasca da bagno) rendendo possibile l'utilizzo del proprio telefono anche quando questo non è a portata di mano. Il "miracolo" sarà possibile grazie ad un piccolo "pico proiettore" e ad otto sensori di prossimità miniaturizzati per replicare sul braccio l'immagine dello schermo del dispositivo. Un Bluetooth a basso consumo energetico metterà in comunicazione il braccialetto dispositivo mobile ed un componente Wi-Fi garantirà il collegamento alla rete. Sarà presente una funzione di vibrazione e una porta micro USB per la ricarica del bracciale. Toccando il braccio con un dito si interromperà uno dei sensori che restituire le istruzioni al processore che simulerà il touch screen.

Troppo bello per essere vero? A quanto pare SI. Nonostante molti bloggers si sono lanciati estusiasti a lodare questo prodotto, alcuni altri hanno cominciato a sollevare dubbi e perplessità. Le funzioni di questo braccialetto sembravano essere un miscuglio di tecnologia già esistente ma contenuta in un dispositivo troppo piccolo, senza contare che la qualità dell'immagine proiettata era esageratamente nitida. Altre osservazioni, anche se non prettamente tecniche che sono state sollevate: il dispositivo funzionerà su tutti i tipi di pelle? Come funzionerà su braccia particolarmente pelose?

Come si è scoperto, il bracciale Cicret in realtà non esiste, e nessun prototipo funzionante di esso è stato ancora prodotto.  Guillaume Pommier, il co-creatore del progetto Cicret ha a malincuore confermato che il video era un mockup non rappresentativo di qualsiasi dispositivo o prototipo funzionale: «Il video che abbiamo messo on-line è un esempio di ciò che il nostro bracciale Cicret potrebbe consentire agli utenti di fare», dice Pommier. «Abbiamo bisogno di finanziatori che possano permetterci di finire un prototipo». Altro fatto "curioso" e che Pommier & Soci stanno raccogliendo fondi per conto proprio tramite PayPal, senza utilizzare note piattaforme per il Crowdfunding quali ad esempio Kickstarter.

Pommier risponde anche ad altre accuse, come quella di essere una società troppo nebulosa con molte ombre e poche luci. Inizialmente, il sito legato al progetto Cicret, infatti, contiene una breve sezione "Chi siamo" dove si descrivono si i loro principi ma senza menzionare precedenti progetti o impieghii. Alla voce "contatti" invece non sono presenti indirizzi stradali o numeri di telefono, bensì un solo indirizzo email legato, per di più, a gmail.

«Ad essere onesti ci sono così poche informazioni perché 3 del 4 membri nel nostro team hanno un contratto lavorativo con un'altra società. Ovviamente non vogliamo essere licenziati a causa di questa seconda attività ed è quindi giusto rimanere nell'ombra»

Successivamente, proprio per allentare le preoccupazioni del popolo della rete, il sito della Cicret è stato aggiornato inserendo un indirizzo fisico, un elenco dei nomi del team di sviluppo, alcune foto e soprattutto il video di un prototipo funzionante. A differenza del primo video, questo rappresenta appunto un oggetto reale e funzionante, tuttavia le immagini deluderanno quelli che si erano invece deliziati dal MockUp. Le immagini proiettate sul braccio sono molto meno nitide e di quaità decisamente inferiore, tuttavia il video dimostra come il braccialetto possa funzionare su pelle di ogni colore e che il "touch" è supportato. Nonostante attualmente esista tutta la tecnologia necessaria a sviluppare un prodotto come pensato inizialmente, questo nuovo video, non impedisce al braccialetto CICRET di entrare di diritto nella categoria del VAPORWAVE.

Con VaporWave (neologismo inglese) si definisce sarcasticamente un prodotto informatico (Software o Hardware) di cui viene annunciata una data di uscita ufficiale sul mercato, ma che successivamente non vedono la luce per problemi tecnici o economici.

Qui di seguito i due video rilasciati, nel primo c'è il MockUp che tanto aveva entusiasmato gli appassionati di tecnologia. Nel secondo, invece, c'è il prototipo del prodotto allo stato attuale di sviluppo.

 





 

psfooter

PareStrano.it raccoglie le notizie più strane ed incredibili da tutto il mondo. Seleziona e racconta i fatti accaduti senza naturalmente investigare sul posto.

Seguici Sui Social