Nel 1968, prima che David Bowie divenisse l’idolo che oggi conosciamo, lavorava come paroliere per una casa discografica con il compito di scrivere testi in inglese per canzoni straniere. Un bel giorno gli fu chiesto di scrivere delle parole per una canzone francese che l’anno prima aveva avuto in patria un gran successo: Comme d’habitude di Claude François.

Comme d’habitude … My Way

David Bowie, per questa melodia scrisse il testo: Even a fool learns to love (anche un pazzo impara ad amare). Completato il lavoro, David inviò alla casa discografica una copia del suo testo accompagnata da una registrazione di lui che canta il suo testo direttamente sulla canzone originale.

David Bowie canta il suo testo sul brano originale

Possiamo tutti immaginare come andò a finire. Il testo di Bowie fu scartato e fu invece adottato quello di un certo Paul Anka che scrisse … My Way. Quando Bowie ascoltò la versione definitiva cantata da Sinatra alla radio, fu molto contrariato. Sarebbe dovuta essere la sua canzone. Pensò quindi di scriverne una sua versione che avrebbe dovuto avere il titolo di MY WAY ON MARS.

Le prime sette battute della canzone di David Bowie sono dal punto di vista armonico molto simili a “My Way”. Basta trasporre le due canzoni nella stessa tonalità e gli accordi sono identici. Naturalmente poi la canzone Life On Mars di Bowie prende una sua strada ben precisa e diversa ma (anche per sua stessa ammissione) è chiaro come egli sia voluto partire da quell’armonia. Nel retro del suo disco è possibile leggere “(Inspired By Frankie)” riferito a Life On Mars.

“Inspired By Frankie”

C’è da sottolineare che quando Bowie ascoltò la canzone di Sinatra alla radio, non era affatto un artista affermato. Aveva pubblicato un solo album che, tra l’altro, fu un flop clamoroso. Soltanto qualche mese dopo uscì SPACE ODDITY.