Preoccupato da persistenti nausee e forti mal di testa, un uomo tedesco di 39 anni ha pensato di recarsi al pronto soccorso dell’Ospedale universitario di Colonia. Qui i medici che lo hanno assistito si sono trovati di fronte ad un fatto scioccante: il sangue del paziente conteneva così tanto grasso, che si era trasformato in una sostanza densa e lattiginosa.

Stilata una diagnosi di iperviscosità, i medici hanno ritenuto opportuno procedere ad un trattamento di plasmaferesi, quando mediante una centrifuga si separa il plasma da tutti gli altri elementi corpuscolari presenti nel flusso sanguigno. Si tratta, detta alla buona, di “ripulire” il sangue e rimetterlo in circolo. Nel caso specifico lo scopo era quello di rimuovere i trigliceridi, il grasso che era causa di viscosità, e di reintrodurre poi il sangue filtrato nella circolazione del paziente.

Quello che però i medici non avevano tenuto ben presente è che il livello di trigliceridi presente nel sangue del paziente era ben 36 volte più alto dei valori che vengono solitamente definiti come “molto alti”. Il sangue era così denso e lattiginoso che il filtro della macchina per la plasmaferesi si è intasato per due volte.

Bisognava agire dunque in maniera differente e anche in fretta, perché il paziente aveva intanto perso conoscenza ed era quasi ridotto ad uno stato vegetativo. L’uomo era già affetto da obesità grave ed in più si alimentava secondo una “dieta” piuttosto malsana. Era diabetico ma si curava con l’insulina in maniera irregolare. Manco a dirlo, la sua famiglia aveva una lunga storia di ipercolesterolemia, e quindi aveva anche una importante predisposizione genetica.

Lo staff medico ha dunque pensato ad una soluzione … non troppo rivoluzionaria: il salasso. Grazie a questa antichissima pratica, conosciuta anche dagli egizi, i medici sono riusciti a drenare dal paziente due litri di sangue, sostituendoli con del plasma congelato, soluzioni saline e globuli rossi. La pratica ha sortito i suoi effetti, nel giro di pochi giorni il paziente aveva recuperato da tutte le sue patologie neurologiche.