in

Chi ha fatto il primo Albero di Natale?

Ma chi ha fatto il primo albero di Natale?

Da dove nasce la tradizione di fare l’albero di natale? Se ci pensi, è una pratica un po’ strana. Andiamo nei boschi, abbattiamo un albero e lo trasciniamo dentro le nostre case. Poi ci mettiamo sopra palline ornamentali e luci

Ma chi ha fatto il primo albero di Natale?

Nessuno sa con certezza chi abbia decorato per primo un albero sempreverde. Anche se oggi sono collegati alla festa cristiana del Natale, gli alberi decorati avevano un significato speciale anche per i popoli antichi molto prima del cristianesimo.

Nell’emisfero settentrionale, il solstizio d’inverno rappresenta il giorno più corto e la notte più lunga dell’anno. Di solito, il solstizio d’inverno si verifica il 21 o il 22 dicembre di ogni anno. La gente ha onorato il solstizio d’inverno per migliaia di anni. dato che il suo arrivo significa che presto sarebbe arrivata anche la primavera. Decorare le proprie case con alberi e rami sempreverdi ricordava alle persone il verde della primavera.

Antiche Tradizioni

Ad esempio, gli antichi romani celebravano il solstizio d’inverno con una festa chiamata Saturnalia. Onoravano Saturno, il dio dell’agricoltura. I romani credevano che Saturno avrebbe fatto presto tornare le piante verdi dopo il solstizio d’inverno. Come parte della festa, decoravano le loro case con rami di sempreverdi.

Quando questi alberi sono diventati una tradizione natalizia?

Gli storici ritengono che la tradizione sia iniziata in Germania nel XVI secolo. La prima persona ad aggiungere luci potrebbe essere stata il famoso riformatore religioso Martin Lutero.

Secondo la leggenda, una sera Lutero stava tornando a casa attraverso i boschi. Alzando lo sguardo, vide la bellezza delle stelle luminose che brillavano attraverso i rami degli alberi sopra di lui. Arrivato a casa, Lutero ha aggiunto candele a un albero sempreverde per ricreare la scena per la sua famiglia.

Se Non Sei già dei nostri allora ...

Seguici Su Facebook

Che ne pensi?

Kappa, il Demone delle Acque Dolci.

Due metodi per parlare con i morti: “Cold Reading” 1/2