in

Cosa è un “Coefficiente di Vuoto”

Coefficiente di vuoto Chernobyl

Aspetta un secondo

Questa è roba da ingegneri nucleari. Di certo non siete finiti qui per avere precise ed accurate informazioni scientifiche. Questa breve spiegazione è qui, solo per farsi una vaga idea di cosa sia successo quella notte a Chernobyl

Il termine deriva dall’ingegneria nucleare. Il coefficiente di vuoto è un numero, un indice usato per stimare di quanto varia la reattività di un reattore nucleare al variare (positivo o negativo) del grado di vuoto. Il grado di vuoto è il rapporto tra il volume occupato dal vapore rispetto al volume totale occupato dalla miscela liquido/vapore nel reattore.

Più vapore c’è nel reattore, più la reazione aumenterà. In questo caso si parla di coefficiente di vuoto positivo. Al contrario, ossia se la miscela liquido/vapore sarà maggiore del solo vapore si parlerà di coefficiente di vuoto negativo e la reazione nel reattore risulterà frenata.

Nel caso di Chernoby a differenza dei reattori normalmente esistenti ad uso civile (Chernobyl infatti era un impianto militare) il coefficiente di vuoto era positivo. In caso di surriscaldamento (acqua- che diventa vapore) la reazione tendeva ad aumentare e quindi a diventare incontrollata.

Se Non Sei già dei nostri allora ...

Seguici Su Facebook

Che ne pensi?

gorbachev nel 1985

Il clima politico ed economico dell’URSS ai tempi del disastro di Chernobyl

26 aprile 1986. Chernobyl: L’Italia apprende del disastro nucleare