Miti e Leggende

Il Baby Train

Cicogne? Cavoli? Niente affatto. I Bambini li porta il treno!

Stando alla leggenda, una cittadina aveva un tasso di natalità insolitamente alto. Causa di questo elevato numero di nascite sarebbe stato presumibilmente un treno merci che attraversava la città fischiando e svegliando tutti gli abitanti.

Dato che era ormai era troppo tardi per tornare a dormire e troppo presto per alzarsi, le coppie avrebbero trovato altri modi per passare il tempo stando al letto…

Trattasi di una storia popolare vecchia di decenni, “The Baby Train” si basa sulla stessa premessa del boom di nascite che si è verificato dopo il blackout di New York City del 1965. Il succo della storia è che quando i soliti schemi della vita domestica vengono stravolti, gli adulti cominceranno a pensare al sesso come forma di intrattenimento o conforto, senza riguardo per la pianificazione familiare e senza pensare alla contraccezione. Oppure, come ha scritto J. Richard Udry

“evidentemente fa piacere a molte persone immaginare che quando la gente è intrappolata da un evento immobilizzante che le priva delle loro normali attività, la maggior parte si dedica alla copulazione”

J. Richard Udry

J. Richard Udry (1929-2012)

SOCIOLOGO

La menzione del “Baby Train” è apparsa nel romanzo Kitty Foyle scritto da Christopher Morley nel 1939

“La prima cosa che senti la mattina a Manitou è il primo treno per Chicago. È troppo presto per alzarsi e troppo tardi per riaddormentarsi. Hanno una leggenda là giù secondo cui il fischio mattutino di quel treno fa molto per tenere alto il tasso di natalità.”

Christopher Morley nel 1939
Kitty Foyle
Christopher Morley, 1939

La leggenda compare anche in una raccolta di battute e aneddoti del 1944. Un visitatore di “una piccola città vicino a Charleston” è colpito dal numero di bambini presenti in quel villaggio e pensa di chiedere informazioni al cameriere nel suo hotel. Il cameriere porta il viaggiatore a vedere i binari del treno all’estremità orientale della città, dove arrivano gli espressi per Miami. “È così”, ha spiegato. “Quel maledetto treno si precipita qui ogni mattina alle sette. È troppo presto per alzarsi dal letto e troppo tardi per tornare a dormire”.

Tags

Potrebbe Interessarti ...

Back to top button
Close