in

La storia dell’iconica foto della linguaccia di Albert Einstein

Anche se l’originale è uno scatto grandangolare che mostra anche i suoi compagni in macchina, parte della foto che mostra solo Einstein, senza i compagni, diventerà un icona.

La celebre foto mostra il grande fisico del XX secolo che tira fuori la lingua in un momento di spensierato divertimento prima di tornare a casa dopo una notte molto faticosa.

Il fotografo, Arthur Sasse, aveva bisogno di un’ultima foto del professore mentre andava via, ottenendo di fatto quella che è diventata un classico della documentazione fotografica del secolo.

La fuga dai nazisti

Per Einstein, fama e fortuna arrivarono nel 1919, quando i fisici britannici testarono una delle previsioni della teoria della relatività (sulla deviazione della luce stellare durante un’eclissi) e trovarono effettivamente l’effetto predetto da Einstein.

Quasi dall’oggi al domani, i paesi di lingua inglese salutarono Einstein come il nuovo Isaac Newton, invitarono sia Einstein che sua moglie a una serie di conferenze in Gran Bretagna e in America, e furono ricevuti come ospiti d’onore ovunque andassero.

Ma i bei tempi finirono nel 1932, quando la Germania tenne un’elezione che lasciò i nazisti come il più grande partito unico del Reichstag. Nel gennaio 1933, il presidente Hindenburg invitò il cancelliere Hitler a formare un governo. A marzo, Einstein ha rassegnato le dimissioni da tutti i suoi incarichi tedeschi chiedendo asilo negli Stati Uniti. Il titolo del giorno successivo sul Berliner Tageblatt diceva : “Buone notizie da Einstein: non tornerà!”

Il 54enne già premio Nobel non avrebbe mai più messo piede nella sua nativa Germania.

Il professore “matto”

Quando nel 1951 fu scattata la famosa fotografia della lingua, le cose erano molto più tranquille per Einstein. Aveva trascorso gli anni della guerra insegnando a Princeton e generalmente crogiolandosi nell’adulazione di un mondo che lo riteneva il più grande genio di tutti i tempi.

Godendo della sua immagine di “Dio della scienza”, Einstein esibiva deliberatamente comportamenti e abitudini eccentrici. Raramente indossava calzini, ad esempio, con la spiegazione che l’area dell’alluce si consumava rapidamente, sempre e comunque, e che le scarpe da sole dovrebbero bastare a contenere un piede.

Aveva un guardaroba dall’aspetto molto più strano con vestaglie dai motivi bizzarri, e ha lasciato che i suoi capelli e i suoi baffi baffi prendessero il sopravvento su gran parte della sua testa.

Quando concedeva interviste, spesso le dava sulla sua veranda mentre indossava soffici pantofole rosa. Aveva la battuta pronta e raramente lo si vedeva senza la sua pipa, cosa che secondo lui aiutava a pensare.

La sera della foto

Era questo l’eccentrico Einstein che aveva partecipato alla sua 72a festa di compleanno, organizzata dallo staff dell’università di Princeton.

Lì, ha incontrato il fotografo professionista Arthur Sasse, che ha scattato diverse foto di Einstein mentre stringeva mani e si concedeva quello che per lui era il raro bicchiere di cognac.

Quando la festa volgeva al termine e un Einstein stanco entrò nella sua auto con autista, Sasse si avvicinò di soppiatto alla porta aperta e lo chiamò per un’altra foto. Einstein si voltò verso di lui e tirò fuori la lingua proprio mentre si accendeva il flash.

Una foto quasi scartata dai giornali

Arthur Sasse ha inviato ad Einstein le copie di tutte le foto che aveva scattato alla festa. Einstein si innamorò subito dell’ultima e ne ordinò nove stampe. Da quel momento in poi ne fece fare molte altre includendole in tutti i suoi biglietti di auguri.

Dopo la sua morte, quattro anni dopo, gli eredi di Einstein concessero in licenza l’immagine per una più ampia diffusione. Le riproduzioni senza licenza si sono diffuse ancora più velocemente e negli ultimi 60 anni il ritratto di Einstein con la linguaccia è apparso su tazze, magliette, poster e probabilmente su ogni altra superficie che potesse essere serigrafata.

Quello che non tutti sanno è che Arthur Sasse presentò la foto per la pubblicazione all’International News Photos Network, dove è quasi morta sul tavolo del montaggio. Gli editori rete hanno discusso sull’opportunità di una foto del genere di una personaggio pubblico molto stimato come il professor Einstein. Alla fine hanno deciso di pubblicarla soltanto una volta appreso quanto il soggetto stesso apprezzasse l’immagine.

Col tempo, la stampa originale e i negativi furono venduti all’asta per $ 72.300. Ad oggi, ciò rende “La lingua di Einstein” il ritratto più costoso mai realizzato del vecchio scienziato, nonché una delle immagini più iconiche del secolo.

Se Non Sei già dei nostri allora ...

Seguici Su Facebook

Che ne pensi?

retromarcia, ingranaggio

Perché la retromarcia ha un rumore diverso?

esperienze pre morte

Cosa sono le esperienze di “pre-morte” ?