in

Perché ai maiali piace il fango?

Perché ai maiali piace il fango

Quando fa troppo caldo, per mantenere il nostro corpo alla giusta temperatura, le nostre ghiandole sudoripare secernono sudore. Il sudore serve quindi ad abbassare la temperatura corporea fino a quella ideale che si aggira intorno ai 37°C. Attraverso il sudore, l’acqua evapora nell’aria e raffredda la pelle sottostante. Perché ai maiali piace il fango?

Perché ai maiali piace il fango?

A differenza degli esseri umani, i maiali hanno pochissime ghiandole sudoripare e anche quelle poche che hanno, non funzionano molto bene. La conseguenza è che i maiali non possono sudare come noi. Allora cosa deve fare un maiale quando fa caldo? Esatto! Sguazzare nel fango! Rotolarsi è un modo che i maiali usano per restare freschi quando fuori fa troppo caldo.

Sotto la doccia

Alcuni allevatori di suini ora usano gli getti d’acqua invece del fango per mantenere i maiali freschi nei mesi caldi. Il fango, tuttavia, tende a mantenere i maiali più freschi più a lungo perché l’acqua contenuta nel fango evapora più lentamente dell’acqua pura.

Ma il fatto che i maiali amino rotolarsi nel fango non vuol dire che siano animali sporchi . Al contrario, i maiali tendono ad essere animali molto puliti.

In un allevamento di maiali, si noterà che i maiali tengono il loro “bagno” il più lontano possibile dalle aree in cui mangiano e bevono.

Sotto il sole

Dal momento che i maiali trascorrono molto tempo all’aperto, rotolarsi nel fango ha anche altri vantaggi. La maggior parte dei maiali ha una pelle rosa chiaro che tende a scottarsi molto facilmente. Per proteggere la pelle dalle scottature, quindi i maiali usano il fango come protezione solare. Quando il fango si secca sulla loro pelle, forma una barriera contro i dannosi raggi ultravioletti del sole. Allo stesso modo uno spesso strato di fango protegge i maiali dagli insetti. Mosche, parassiti e insetti sono spesso attratti dalle aree in cui vivono i maiali poiché spesso c’è cibo nelle vicinanze.

Se Non Sei già dei nostri allora ...

Seguici Su Facebook

Che ne pensi?

Il 4 maggio 2020 entrerà nella storia

Coronavirus Peste Nera

Covid-19: Malattia nuova, abitudini vecchie di secoli.