Storia

[STORIA] Gradisce anche un bel taglio di carne … umana?

Fritz Haarmann era un macellaio molto apprezzato nella Germania degli anni '20, fino a quando si è scoperto che la carne che vendeva era umana!

Per sei anni, Fritz Haarmann ha usato la sua posizione di informatore della polizia per coprire i suoi (almeno) 24 orribili omicidi che gli sono valsi il nomignolo di “Vampiro di Hannover“.

Negli anni ’20, Fritz Haarmann era un venditore di successo nel settore degli abiti di seconda mano. Ma ciò che lo rendeva particolarmente popolare tra le sue clienti era sua scorta infinita di carne che Fritz vendeva loro a prezzi bassissimi. Questo fino a quando non hanno appreso che si trattava di carne umana.

La gente della sua nativa Hannover pensava che Fritz fosse in effetti un po’strano, sebbene amichevole e sicuramente innocuo. Anche alla polizia piaceva, e ha lavorato per loro come informatore mentre si dedicava ad un’orrenda follia omicida proprio sotto il loro naso.

Una volta scoperti i suoi crimini, Haarmann divenne famoso come il “Vampiro di Hannover” che uccideva le sue vittime con un “morso d’amore” che affondava nella trachea. Chiamato anche il “Macellaio di Hannover”, alla fine ha confessato quasi 30 omicidi, ma la polizia sospettava che ne avesse commessi altre decine.

La vita travagliata di Fritz Haarmann

Nato nel 1879, a sei anni, adorava giocare con le bambole, indossare abiti femminili ed evitare altri bambini, in particolare i ragazzi.

Nel tentativo di costringere suo figlio a rafforzarsi, suo padre portò il giovane Fritz alla scuola militare nella città di Breisach, nella Germania meridionale, all’età di 16 anni, dopo pochi mesi in quella scuola scoprì di essere affetto da epilessia.

Licenziato dalla scuola a causa delle sue condizioni, ha lavorato nella fabbrica di sigari di suo padre per un anno prima di commettere il suo primo crimine: molestie sessuali. Catturato e accusato dalla polizia, fu internato in un manicomio. Dopo soli sei mesi in manicomio, fuggì e attraversò il confine con la Svizzera.

Mentre era in Svizzera, si fidanzò con una giovane donna di nome Erna Loewert. Tuttavia, l’impegno fu di breve durata: Fritz svanì quando Erna rimase incinta. Fritz tornò in Germania nel 1900 per completare il suo servizio militare obbligatorio.

A causa della sua epilessia e della probabile malattia mentale, Haarmann fu ricoverato in ospedale per quattro mesi nel 1901 e licenziato dalle forze armate nel 1902. Dopo il suo congedo, suo padre fece ripetuti tentativi di farlo ricoverare in via permanente nel manicomio, ma Fritz riuscì a evitarlo ogni volta.

Dopo aver lasciato i militari, Haarmann ottenne per la prima volta la sua pensione, che aumentò nel 1904 quando fu finalmente classificato come disabile. Nel decennio successivo, ha integrato la sua pensione con piccoli crimini e furti con scasso.

Il primo omicidio di Haarmann

Nel 1913, la polizia, stanca dei suoi ripetuti crimini, condannò Haarmann per aver svaligiato un magazzino di Hannover. Frizz fu gettato in prigione per cinque anni, permettendogli di tirarsi fuori dalla prima guerra mondiale.

In prigione, Haarmann incontrò il magnaccia 24enne Hans Grans, di cui si innamorò rapidamente. Al loro rilascio, i due andarono a vivere insieme.

Una volta libero cominciò a lavorare come informatore della polizia, continuando parallelamente l’hobby del crimine con una banda di trafficanti. Ma fu proprio la collaborazione con la polizia a spianargli la strada verso crimini ben peggiori.

Nel settembre del 1918, il diciassettenne Friedel Rohe fuggì da casa sua, scomparendo nelle strade secondarie di Hannover. Quando il padre di Rohe si unì alle ricerche di suo figlio, apprese che il giovane Friedel era amico di Haarmann, che spesso portava giovani ragazzi nel suo appartamento per divertirsi un po’.

Tuttavia, quando il padre di Rohe portò questo indizio alle autorità, la polizia era riluttante a interferire con la loro spia più preziosa, ma alla fine accettarono di cercare da Haarmann.

Lì trovarono Haarmann a letto con un ragazzino di 13 anni, ma nessuna traccia di Friedel. Tutto ciò che potevano fare secondo le leggi dell’epoca era arrestare Haarmann per indecenza con un minore.

Haarmann in seguito ha confessato che se la polizia avesse effettuato ricerche più approfondite, avrebbe trovato la testa mozzata di Friedel Rohe nascosta dietro la stufa.

La frenesia omicida di Fritz

Haarmann era già noto come macellaio “di contrabbando”, popolare tra gli abitanti della zona per la sua cordialità e la sua carne irresistibilmente conveniente. Nel 1919, la Germania era in gravi difficoltà economiche e molte famiglie si servivano da lui per i buoni prezzi che offriva.

Durante i primi del 1920, Haarmann trascorse gran parte del suo tempo a vagabondare per la stazione ferroviaria di Hannover, ad adescare ragazzi adolescenti con la promessa di cibo e generi di conforto. Migliaia di bambini stavano scappando da casa in quel momento e, a causa delle difficoltà del dopoguerra, aveva molte vittime tra cui scegliere.

Dopo aver dato da mangiare alle sue vittime, Haarmann le uccideva mordendole sul collo con quello che chiamava grottescamente il suo “morso d’amore”, prima di molestare sessualmente i loro corpi morti. Alla fine, li avrebbe smembrati, macinandone la carne per ricavarne salsicce o tagliandoli in quelle che avrebbe poi venduto come cotolette di manzo o maiale. Delle vittime, oltre che la carne, Fritz vendeva anche i vestiti.

Una macabra scoperta

Nel maggio del 1924, la polizia fu costretta a rivolgere la propria attenzione ad Haarmann quando alcuni bambini scoprirono un teschio sulle rive del Leine. Presto la polizia trovò molti altri teschi e scheletri, quando il fiume Leine fu trascinato, si trovarono i corpi di almeno 22 ragazzi o giovani uomini.

La città di Hannover fu presa dal panico e i sospetti si rivolsero a Haarmann, grazie alla sua reputazione di quello che aveva ospitato nel suo appartamento ragazzi in fuga. A causa del suo status di informatore preferito, la polizia di Hannover è stata ritenuta inadatta a indagarlo, quindi, due investigatori di Berlino arrivarono sulla scena per occuparsi delle indagini.

I detective di Berlino trovarono presto Haarmann in un angolo buio della stazione ferroviaria, mentre aggrediva un adolescente. Fu gettato in prigione e il suo appartamento, fu di nuovo perquisito. Molto più accuratamente questa volta.

All’interno gli investigatori trovarono scena da incubo. Le pareti e il pavimento erano macchiati di sangue ed erano presenti più di 100 capi di abbigliamento delle vittime.

In carcere, il vampiro di Hannover confessò di averne uccisi “Trenta o quaranta, non lo so.” Più tardi, cambiò versione, dicendo che probabilmente le vittime erano tra le cinquanta e le settanta

Tuttavia, la polizia è stata in grado di identificare solo 27 delle sue vittime e non è stata in grado di trovare decine di altri ragazzi. Haarmann è stato accusato di svariati omicidi e una data di processo è stata rapidamente fissata.

In tribunale, Haarmann fumava sigari e insultava tutti i presenti. Una volta, guardando una foto di un ragazzo scomparso, ha urlato al padre in lutto che non avrebbe mai avuto nulla a che fare con quel bambino perché era troppo brutto.

Trovato colpevole di 24 dei 27 omicidi di cui è stato accusato, Haarmann fu condannato alla ghigliottina il 15 aprile 1925.

Dopo la sua morte, la testa di Fritz Haarmann fu conservata in formaldeide e consegnata alla scuola di medicina di Gottinga. Nel 1925, i resti delle sue vittime scoperte nel fiume Leine furono sepolti in una fossa comune nel cimitero di Stöckener.

Potrebbe Interessarti ...

Back to top button