Coronavirus Covid-19Social Networks

Trump? Un genio, li fa cadere nella loro stessa trappola. Bubu ora cosa risponde?

Ci capita sotto gli occhi un post facebook di Stop Autismo e Vaccini che parla di quanto sia stato “genio” Donald Trump. Segue la trascrizione del post (alla quale ho aggiunto solo un po’ di punteggiatura)

Trump? Un genio. Li fa cadere nella loro stessa trappola. Bubu ora cosa risponde?? Spiego l’accaduto dei giorni scorsi: chi guarda la TV avrà sentito che TRUMP vuole iniettare disinfettante per curare il Covid19 (notizia scioccante).
Perché l’ha detto? Perché è un pazzo? NO. I media hanno diffuso immediatamente la notizia e intervistato scienziati e medici dell’OMS i quali hanno dichiarato che è inconcepibile. Sono sostanze dannose, pericolose e tossiche se inserite nell’organismo.
Il giorno seguente, Trump chiede: ma se il disinfettante all’interno di un organismo è così altamente pericoloso, come è possibile che il THIMEROSAL e la FORMALDEIDE? Risultato clamoroso, TRUMP ottiene le prove che in tanti in tutto il mondo stavano aspettando (GENIALE). I vaccini sono dannosi, pericolosi e tossici!

Contestualizziamo ciò che ha detto Trump

Durante una conferenza stampa a tempa coronavirus, il presidente Trump ha lanciato l’idea di usare disinfettanti e luce solare per curare i pazienti con COVID-19. Naturalmente non ci è voluto molto prima che diversi siti Web e post sui social media ne stravolgessero il contesto.

La trascrizione della conferenza stampa dimostra che Trump non ha detto che le persone dovrebbero iniettarsi candeggina o alcool per curare il coronavirus. In realtà, il Presidente Degli Stati Uniti ha solo chiesto ai funzionari della task force della Casa Bianca per la lotta al coronavirus se potessero eventualmente essere usati in potenziali cure.

Ero solo sarcastico

«Stavo facendo una domanda sarcastica ai giornalisti intervenuti alla confereza» ha dichiarato Trump soltanto il giorno dopo, a scanso di equivoci. Il presidente ha posto la domanda per la prima che William Bryan, sottosegretario per la scienza e la tecnologia presso il Dipartimento per la sicurezza interna, ha presentato uno studio che ha scoperto che l’esposizione al sole e gli agenti di pulizia come la candeggina hanno un effetto negativo sul coronavirus.

Bryan si riferiva all’uso di disinfettanti sulle superfici e negli ambienti ma Trump ha chiesto se i prodotti chimici potrebbero essere utilizzati anche in un potenziale trattamento COVID-19.

Alcuni utenti di siti Web e social media hanno raccolto questa domanda come se Trump stesse in effetti raccomandando alle persone di iniettarsi candeggina o alcool isopropilico. Altri hanno invece pensato che Trump stesse semplicemente spronando i medici ad indagare se l’uso di luce solare o disinfettanti potrebbe eliminare il virus nei pazienti.

Ad ogni modo, dopo le dichiarazioni di Trump molte aziende e agenzie statali hanno emesso avvertimenti sull’ingestione di disinfettanti.

Ma .. cosa ha detto Donald Trump?

In breve, Trump, nella conferenza sampa ha detto: “Sappiamo che i raggi ultravioletti o l’esposizione ad una forte luce possono uccidere il virus. Non sarebbe interessante poter fare una cosa del genere anche attraverso la pelle? E allo stesso modo, se i disinfettanti eliminano il virus, non si potrebbe effettuare una pulizia all’interno del corpo umano?”

Successivamente, Trump ha chiarito i suoi commenti dopo che un giornalista ha chiesto a Bryan se i disinfettanti potevano effettivamente essere iniettati in pazienti COVID-19.

«Non si tratterebbe di iniezioni ma piuttosto di una sorta di pulizia e sterilizzazione di un’area. Forse funziona, forse non funziona, ma sicuramente avrà un grande effetto se si funziona su un oggetto». Rimane non chiaro quale parte di questa vicenda possa esser intea come una “domanda sarcastica” rivolta ai giornalisti. Tuttavia, quello che è chiaro è che Trump non ha mai invitato nessuno ad iniettarsi o ingerire disinfettante, riferendosi con ogni evidenza ad ipotetici trattamenti medicali.

Veniamo ora alla storia dei vaccini tossici.

Si tratta di una dichiarazione parzialmente falsa. Il vaccino antinfluenzale non contiene livelli tossici di formaldeide, e derivati ​​del mercurio.

FORMALDEIDE

La Food and Drug Administration (FDA) degli Stati Uniti, dichiara che alcuni vaccini contengono formaldeide per “disattivare i virus” e “disintossicare le tossine batteriche” in modo che non causino malattie.

L’eccessiva esposizione alla formaldeide può causare il cancro, ma la formaldeide contenuta nei vaccini viene diluita durante la produzione a una quantità “così piccola rispetto alla concentrazione che si trova naturalmente nel corpo che non rappresenta un problema di sicurezza.

Il rischio più alto di esposizione alla formaldeide deriva dall’inalazione. Questi incidenti si verificano maggiormente a persone che usano abitualmente formaldeide nel loro lavoro. Sempre secondo la FDA, “non ci sono prove che collegano il cancro a un’esposizione rara a minuscole quantità di formaldeide tramite iniezione, come accade con i vaccini“.

È quindi vero che alcuni vaccini contengono formaldeide, ma in quantità trascurabili rispetto a quelle già presenti naturalmente nel corpo e nell’ambiente. La formaldeide nei vaccini non presenta rischi di sicurezza documentati come quelli elencati nei post sui social media.

THIMEROSAL

Il Thimerosal è un composto contenente mercurio, usato come conservante nei vaccini contro l’influenza. Tuttavia, ci sono due diversi composti che contengono mercurio: metil-mercurio ed etil-mercurio.

Il metilmercurio si forma nell’ambiente. Se questo materiale si trova nel corpo, di solito è il risultato del consumo di alcuni tipi di pesce o altri alimenti. Alte quantità di metil-mercurio possono danneggiare il sistema nervoso.

L’etil-mercurio si forma quando il corpo scompone il Thimerosal. Le esposizioni a basso livello di etil-mercurio dai vaccini sono molto diverse dalle esposizioni a lungo termine al metil-mercurio perché l’etil-mercurio viene scomposto dall’organismo in modo diverso e si libera dal sangue più rapidamente.

Usare etil-mercurio nei vaccini non è pericoloso perché è meno probabile che si accumuli nel corpo e soprattutto perché è usato in piccole quantità.

Insomma, anche questa è vera. Alcuni vaccini antinfluenzali contengono conservanti a base di mercurio, ma secondo le informazioni fornite dalle autorità sanitarie, il mercurio presente in queste sostanze non rappresenta un problema di sicurezza.

Potrebbe Interessarti ...

Back to top button
Close